INAUGURATO IL VENTESIMO ANDERSEN FESTIVAL

IL SIGNOR ANDERSEN E IL CORTEO DEI BAMBINI INAUGURANO IL FESTIVAL A SESTRI LEVANTE

 

Un serpentone colorato e festante ha percorso le strade di Sestri Levante, aprendo l’edizione 2017 dell’Andersen Festival. Grande attesa venerdì per il coro del Carlo Felice e per il concerto di Paolo Fresu, dal palco galleggiante della Baia del Silenzio

 

 

 

Hans Christian Andersen, impersonato dal signor Torben Iversen, della Andersen Paraden, ha consegnato nelle mani della Sindaca Valentina Ghio uno dei “lenzuoli in libertà” realizzato dai bambini delle scuole di Seatri Levante che, aperto dai  due Carabinieri di Pinocchio, è diventato vessillo  del palazzo. Il corteo si è poi diretto al Teatro Conchiglia, per i saluti istituzionali e quelli “cantati” del signor Andersen, a cui è seguita la consegna di tutti i lenzuoli che sono state poi esposti  alle finestre, ai balconi e nei negozi del centro di Sestri Levante. “Libertà è tuffarci nel mare” uno dei motti riportati sui teli bianchi e scandito a gran voce dai piccoli studenti delle scuole del territorio.

 

Il pomeriggio è stato un susseguirsi di eventi, tutti estremamente partecipati da un pubblico di ogni età, che hanno animato le piazze, il Teatro Conchiglia, l’ex Convento dell’Annunziata e la Sala Expo di Palazzo Fasce con spettacoli, laboratori e rappresentazioni teatrali. Apprezzato particolarmente lo spazio realizzato in piazza Bo, con la riproduzione delle “casette danesi” e la mostra/attività legata ad “Andersen a spasso”, un progetto per costruire storie e fiabe realizzato con l’aiuto del fotografo Massimiliano Tappari e la scrittrice Chiara Carminati. Il progetto si rivolge alle scuole ed è avviato da VisitDenmark e Fondazione Hans Christian Andersen in collaborazione con la rivista per l’infanzia “Andersen”.

 

Nella giornata di venerdì 9 torneranno mostre, laboratori e spettacoli, mentre alle 19.00 si apriranno gli eventi musicali alla Baia del Silenzio con l’atteso concerto del Coro delle Voci Bianche del Teatro Carlo Felice di Genova, diretto dal M°Gino Tanasini, con l’accompagnamento di Enrico Grillotti al pianoforte. Ancora grande musica alle 21.30, quando sul palco galleggiante saliranno Paolo Fresu, Daniele di Bonaventura e il coro polifonico corso “A Filetta”.

 

“Non è difficile trovare relazioni e sinergie tra il Festival Andersen e un progetto, il nostro, intriso di quel Mediterraneo dove il Festival si affaccia e che fa sponda con le nuove migrazioni e con le aspirazioni e i sogni di chi in quel mare si specchia. -dichiara Paolo Fresu- Una memoria che danza è una memoria viva che, grazie all’immaginazione dell’infanzia, diventa voluttà e monito. 

 

“Danse Mémoire, Danse” lo fa attraverso le storie di due grandi uomini del secolo scorso. Aimé Césaire, immenso poeta e drammaturgo della Martinica, e Jean Nicoli, maestro elementare nell’Alto Senegal alla fine degli anni ’20”.

 

 

 

Immagini scaricabili:

 

https://www.dropbox.com/sh/es5pdze6u26dmec/AADKTuZej1niGYpcZ1O9fUBka?dl=0

 

Ufficio stampa

 

Communiqué

 

Elisa Braccia    +39 3463951050 elisabraccia@communique.it

Paolo Angelini  +39 3492394438 paoloangelini@communique.it

 

 

 

www.communique.it